Fitoestrogeni Volume Seno - Tonificare e Volumizzare il Seno - Erboristeria Dulcamara

Vai ai contenuti

Menu principale:

Fitoestrogeni Volume Seno - Tonificare e Volumizzare il Seno

Bellezza


Clicca sulle Immagini per Visualizzare i Dettagli del Singolo Prodotto
fitoestrogeni trifoglio rosso
I Fitoestrogeni

Alcune molecole di origine vegetale (definite generalmente “molecole fitochimiche” di natura steroidea), agiscono sull'organismo come certi ormoni naturali, gli estrogeni, ed è per questo motivo che sono chiamate fitoestrogeni, anche se la loro azione ha una potenza mille volte inferiore. Le prime constatazioni sull'attività estrogenica di una pianta risalgono agli anni '60, quando si appurò che la diminuzione della fertilità nelle pecore australiane era provocata dal Trifoglio rosso, pianta di cui si nutrivano. Il primo studio sugli isoflavoni fu pubblicato nel 1990. Da allora, le ricerche si sono moltiplicate sotto l'impulso notevole apportato dal  National Cancer Institute degli Stati Uniti.

Isoflavoni e lignani
I composti fitochimici con attività estrogenica si raggruppano in due grandi categorie, che hanno caratteristiche e proprietà d'azione leggermente differenti: gli isoflavoni e i lignani. Gli isoflavoni sono presenti in gran quantità negli alimenti (soprattutto quelli a base di soja), e per questo motivo sono stati oggetto di studio di numerose ricerche; inoltre, hanno un effetto maggiore sui recettori degli estrogeni rispetto ai lignani, che si trasformano in fitoestrogeni solo dopo il processo della digestione, e si trovano, in quantità discrete, nei semi di Lino (Linum usitatissimum).

600 piante
Le piante che svolgono azione estrogenica, suscitano parecchio interesse negli esperti di medicina alternativa e ufficiale: nel 1975, le piante che evidenziavano questo tipo di azione erano considerate circa 350; il censimento attuale ne riporta più di 600. Tra queste, solo poche decine contengono fitoestrogeni assimilabili attraverso l'alimentazione: pensiamo al Trifoglio (Trifolium pratense), alla Cimicifuga (Cimicifuga racemosa) e alla Dioscorea (Discorea composita). Bisogna considerare, inoltre, che il contenuto di fitoestrogeni può variare secondo le tecniche colturali che hanno caratterizzato la coltivazione della pianta.

Risultati promettenti
Gli estrogeni sono conosciuti soprattutto in relazione ai problemi di squilibrio ormonale, che si manifestano con le vampate di calore e con l’osteoporosi, ma il loro ruolo nell'organismo è molto più complesso. Basti dire che un elevato tasso di estrogeni è considerato fattore di rischio per il tumore del seno e dell' endometrio.     Nel caso dei fitoestrogeni, l'azione varia a seconda dell'organismo, dell'equilibrio ormonale dell'individuo e del tipo di fitoestrogeno ingerito. In poche parole, se l'organismo produce troppi estrogeni, i fitoestrogeni sono in grado di bloccare, in parte, il loro effetto nocivo; al contrario, se l'organismo è carente di estrogeni, i fitoestrogeni colmano, in parte, questo bisogno. Si può capire, dunque, perché i fitoestrogeni possono essere utilizzati per intervenire in alcuni processi metabolici ormonali, come la sindrome premestruale, o la menopausa; le ricerche, inoltre, rivelano che potrebbero avere un ruolo importante in altri processi, tra i quali la   formazione del colesterolo nel sangue, e, addirittura, la prevenzione e la cura dei tumori.

Modalità di utilizzo o Posologia
E' quasi certo che i fitoestrogeni di origine vegetale assunti con l’alimentazione offrono molti vantaggi e causano pochi inconvenienti. Il discorso non vale per i supplementi assunti in altre forme: l' American Nutraceutical Association, punto di riferimento, raccomanda di optare per l'assunzione alimentare: "in caso di assunzione di supplementi, comunque, non bisogna superare i 50mg". Inoltre, è opportuno segnalare che i fitoestrogeni non sono indispensabili al metabolismo umano, e che non si verificano, dunque, sintomi o rischi di carenza.

Principali risorse alimentari

Isoflavoni
Leguminose (ceci, lenticchie e soprattutto soja), agrumi, cipolle, mele, uva, vino rosso, birra, olio d'oliva, tè verde, tè nero.

Lignani
Semi di girasole, cereali interi, Mirtillo palustre, tè verde, tè nero. Il primo posto spetta ai semi di lino, che contengono una quantità 100 volte maggiore rispetto agli altri alimenti; al contrario, l'olio estratto da questi semi ne contiene una percentuale relativamente modesta.

La ricerca

Riduzione del colesterolo
Le numerose ricerche in vivo, condotte su modelli umani e animali, indicano che i fitoestrogeni migliorano il profilo chimico del colesterolo, e possono, dunque, prevenire le malattie cardiovascolari. Gli studi sono stati effettuati sulla soja e sui semi di lino: mentre i risultati relativi all'utilizzo della soja sono stati formalmente provati, gli studi relativi ai semi di lino sono ancora in evoluzione.

Prevenzione dei tumori
Alcuni studi hanno evidenziato che i forti consumatori di alimenti contenenti fitoestrogeni, sono meno esposti al tumore del seno e, forse, del colon. In genere, però, le ricerche forniscono risultati contraddittori, ed è per questo motivo che anche l'effetto preventivo è considerato ipotetico.

Trattamento dei tumori
Per quanto riguarda gli isoflavoni, le ricerche condotte in laboratorio confermano il ruolo di primo piano nell'inibizione dell'angiogenesi, il processo di formazione di nuovi vasi sanguigni che nutrono il tumore, inducendo la differenziazione cellulare e attivando la distruzione delle cellule tumorali (apoptosi). L'esame al microscopio dei tessuti tumorali estratti dalla prostata di topi, ha provato che il consumo di soja riduce notevolmente la moltiplicazione delle cellule tumorali. Gli studi, infatti, indicano che i composti fitochimici della soja potrebbero impedire la crescita dei tumori, grazie alla combinazione di effetti diretti sul tumore e di effetti indiretti sull'angiogenesi. Nel corso delle ricerche effettuate sui ratti, il consumo di soja ha permesso di limitare la crescita dei tumori delle ghiandole mammarie. Gli isoflavoni, attraverso l'azione estrogenica, possono cambiare (non solo positivamente), il processo dei tumori ormonodipendenti. Le sperimentazioni condotte sui lignani riguardano soprattutto i semi e l'olio di lino: durante una serie di studi condotti all'Università di Toronto (Canada) su animali, si è osservato che i lignani dei semi sembrano efficaci nella riduzione dei tumori in fase di sviluppo, mentre gli acidi grassi del tipo omega-3 contenuti nell'olio contribuirebbero a ridurre la dimensione di quelli già formati. Lo stato delle ricerche, in questo momento, non consente ancora di raccomandare un tale trattamento.

Da Erboristeria Domani

Bibliografia

1. Bierenbaum ML, Reichstein R, Watkins TR. Reducing atherogenic risk in hyperlipemic humans with flaxseed supplementation: a preliminary report. J Am Coll Nutr 1993;12(5):501-4. 2. Anderson JW, Johnstone BM, Cook-Newell ME. Meta-analysis of the effects of soy protein intake on serum lipids. N Engl J Med. 1995 Aug 3;333(5):276-82. 3. Thompson LU, Rickard SE, Orcheson LJ, et al. Flaxseed and its lignan and oil components reduce mammary tumor growth at a late stage of carcinogenesis. Carcinogenesis. 1996;17:1373–1376. 4. Zhou JR, Gugger ET, Tanaka T, Guo Y, Blackburn GL, Clinton SK. Soybean phytochemicals inhibit the growth of transplantable human prostate carcinoma and tumor angiogenesis in mice. J Nutr. 1999 Sep;129(9):1628-35. 5. Vincent A, Fitzpatrick LA. Soy isoflavones: are they useful in menopause? Mayo Clin Proc. 2000 Nov;75(11):1174-84. Review. 6. Crouse JR III, Morgan T, Terry JG, et al. A randomized trial comparing the effect of casein with that of soy protein containing varying amounts of isoflavones on plasma concentrations of lipids and lipoproteins. Arch Intern Med. 1999;159:2070–2076. 7. Carusi D. Phytoestrogens as hormone replacement therapy: an evidence-based approach. Prim. Care Update Ob Gyns. 2000 Nov 1;7(6):253-259. 8. Alekel DL, St. Germain A, Peterson CT, et al. Isoflavone-rich soy protein isolate attenuates bone loss in the lumbar spine of perimenopausal women. Am J Clin Nutr. 2000;72:844–85. 9. Scheiber MD, Liu JH, Subbiah MT, Rebar RW, Setchell KD. Dietary inclusion of whole soy foods results in significant reductions in clinical risk factors for osteoporosis and cardiovascular disease in normal postmenopausal women. Menopause. 2001 Sep-Oct;8(5):384-92. 10. Jacobsen BK, Knutsen SF, Fraser GE. Does high soy milk intake reduce prostate cancer incidence? The Adventist Health Study. Cancer Causes Control, 1998;9(6):553-7. 11. Thompson LU. Experimental studies on lignans and cancer. Baillieres Clin Endocrinol Metab.1998;12:691–705. 12. Prasad K. Reduction of serum cholesterol and hypercholesterolemic atherosclerosis in rabbits by secoisolariciresinol diglucoside isolated from flaxseed. Circulation. 1999;99:1355–1362. 13. Prasad K. Dietary flax seed in prevention of hypercholesterolemic atherosclerosis. Atherosclerosis. 1997;132:69–76.
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu